Slide background

Acqua sicura per il riscaldamento secondo le norme

Slide background

Zero minerali – zero danni da calcare

Slide background

Trasferimento efficiente del calore

PUROTAP

Home/Prodotti/PUROTAP
PUROTAP 2018-02-11T23:41:44+00:00

PUROTAP – RIEMPIMENTO CORRETTO

Desalinizzazione totale dell'acqua per il riscaldamento –
la soluzione efficiente contro il calcare e la corrosione

Per garantire un funzionamento ottimale e senza guasti dei moderni generatori di calore e componenti della tecnologia di riscaldamento è necessario effettuare un adeguato trattamento dell’acqua di riempimento e reintegro. Anche la minima incrostazione può causare un parziale sovraccarico delle superfici termoconduttrici a causa del ristagno di calore, che a sua volta può causare danni dovuti a tensioni e spaccature termomeccaniche.

La velocità di corrosione dipende anche dalla conduttività elettrica del fluido termoconduttore. Una bassa conduttività ostacola il flusso della corrente di corrosione, una conduttività elevata (minore resistenza elettrica) facilità i processi di corrosione. I processi chimici e fisici possono danneggiare gli strati protettivi, ad es. sciogliendoli a causa di un valore pH insufficiente o “disturbando” la formazione del consueto strato protettivo per l’eccessivo apporto di ossigeno, vedi VDI 2035, foglio 2.

La conduttività (detto in termini semplici, la misura del “tenore salino”) dell’acqua per il riscaldamento risulta primariamente dalla conduttività dell’acqua di riempimento e reintegro. Se si utilizza acqua potabile per il riempimento, la conduttività può diminuire col tempo, quando il calcare si deposita. Nell’acqua addolcita la conduttività di solito aumenta. Un valore pH (min. 8,3) di 8,5 – 9,5 (max. 10,0) a 25 °C e una conduttività elettrica a 25 °C inferiore a 100 μS/cm nell’acqua del riscaldamento e di ricircolo riducono al minimo il rischio di corrosione su materiali di ferro e rame, se è presente allo stesso tempo un basso tenore di ossigeno al di sotto di 0,05 mg/l (vedi TÜV Süd, Spiegazioni in merito alla Direttiva VDI 2035, foglio 2).